SponsorSmiley face

Il Ponte Casa d’Aste Milano si prepara al nuovo anno con un importante ingresso nel roster della A2. Un innesto di qualità ed esperienza che risponde al nome di Estela Royo Torres, 178 cm, ala classe 1986 e con un grande carisma coltivato e sviluppato sui parquet di mezzo mondo con le maglie di Club Baloncesto Mann Filter A1 spagnola dove ha disputato l’Eurolega da capitana, Sheffield in Inghilterra (A1), Gran Canaria (A2), Toowoomba Mountaineers A1 Australiana, Quimsa (A1 Argentina) e Zkk Tresnejevka A1 Croata. Nata a Saragozza, è arrivata in Italia per seguire suo marito, Pablo Aguilar, da poco sbarcato a Reggio Emilia in A1, e ora è pronta a dare una mano al Sanga per crescere e risalire la corrente della classifica. Nel primo allenamento con le nuove compagne ha spesso fatto sentire la sua voce alle più giovani e mostrato gran carattere e personalità. “Conosco poco del campionato italiano femminile – racconta – e nell’ultimo mese ho seguito in pratica solo quello maschile per ovvi motivi. Per prima cosa voglio conoscere il livello della lega femminile e la mia nuova squadra. Sono una giocatrice molto fisica, posso difendere contro chiunque e mi aspetto molto da questa avventura. Non mi spaventa l’idea di affrontare un campionato che non conosco “. Coraggio e determinazione doti che servono come il pane alle Orange di Franz Pinotti che le ha chiesto di essere una vera e propria allenatrice in campo:” A me piace una pallacanestro di velocità, corsa e contropiede, caratteristiche che mi sembrano proprio del Sanga di questa stagione. Il mio compito sarà quello di far crescere le tante giovani del gruppo e mettere la mia esperienza sul parquet in partita e sopratutto durante la settimana in palestra. Devo entrare velocemente nei meccanismi di squadra e prendere per mano questo gruppo. Sono pronta a mettermi al servizio di compagne e società “. Parole da veterana e da chi ha spesso rivestito i gradi di capitano, risultando quasi sempre nei migliori quintetti difensivi.” A casa mia si respira solo basket con Pablo e anche mia sorella che gioca in A2 a Pamplona, non vedo l’ora di iniziare e spero di trovare anche il tempo per viaggiare in Italia e gustarmi la gastronomia di questo Paese”. Prima il dovere e poi il piacere, concetti chiari, in attesa della risposta del campo, esordio probabile nella penultima sfida del girone d’andata sabato 5 gennaio nella trasferta di Moncalieri.

SponsorSmiley face