Sponsor

Nell’ultima preziosa vittoria a Castelnuovo il suo apporto è stato decisivo con uno score perfetto 1/1 da due e soprattutto un 4/6 da 3 che ha “spaccato” la partita nel momento topico e indirizzato l’andamento a favore delle orange milanese. La giovanissima Greta Visigalli, alla prima esperienza in maglia Sanga e in arrivo da Crema, si è goduta un weekend particolare di gloria e le luci della ribalta che hanno illuminato il suo perfect game. Complimenti e applausi meritatissimi per chi come lei lavora in silenzio in palestra ogni settimana e sa farsi trovare sempre pronta nel momento del bisogno quando, magari anche per pochi minuti, viene chiamata a dare tutto in campo.

Ai nostri taccuini e dopo una pausa di uno dei tanti allenamenti si è raccontata e ha rivissuto la gara di sabato.

Greta raccontaci di te, che giocatrice sei, cosa fai nella vita?
Mi considero una giocatrice molto determinata, dotata di un discreto tiro dalla media-lunga distanza, ho una buona proprietà di palleggio e a volte rifiuto qualche tiro pur di servire una mia compagna piazzata meglio di me. Sono al primo anno di scienze motorie anche se la mia speranza è quella di riuscire ad entrare a fisioterapia. Nel tempo libero alleno i bambini nelle società in cui ho mosso i miei primi passi nella pallacanestro e mi piace uscire con gli amici”.

Sponsor

Come va questa tua esperienza al Sanga?
Mi sto trovando molto bene con questo gruppo e con lo staff. Essendo la mia prima esperienza in un gruppo nuovo e già unito avevo qualche timore che si è poi rivelato infondato. Durante gli allenamenti do sempre il massimo e sono convinta che alla fine il lavoro duro viene sempre ripagato. Presto molta attenzione ai consigli di coach Pinotti e delle mie compagne più esperte“.

Ci sono alcuni aspetti del tuo gioco che vorresti migliorare?
Senz’altro dovrei migliorare il mio 1 vs 1 e a volte mi affido un po’ troppo al mio tiro da fuori. Un altro difetto che devo limitare è il fatto che sento molto la partita e questo fa si che quando non mi riesce qualcosa mi innervosisco facendomi andare fuori giri.

Parlaci della tua magica partita di sabato e delle emozioni vissute?
Durante la partita ho giocato molto serenamente perché sapevo di avere piena fiducia del coach e delle mie compagne. Nel post partita ero veramente contenta perché penso di aver dato un buon contributo alla squadra per portare a casa una vittoria preziosissima visti i risultati delle nostre avversarie”.

La stagione entra nel vivo, dove può arrivare questo Sanga? E Greta?
Per la squadra spero di riuscire ad arrivare ai playoff perché sarebbe una grandissima soddisfazione per un gruppo nuovo e molto giovane; personalmente spero di riuscire a ritagliarmi sempre più spazio perché più gioco e più vuol dire che sto lavorando bene inoltre sarebbe una grande rivincita personale“.

Sponsor