Sponsor

Secondo appuntamento con il team sanitario del Mondo Sanga, protagonista questa volta dell’intervista settimanale è la D.ssa Elena Brusati. Fisioterapista e preparatore fisico delle Orange di Serie A.

Elena cominciamo proprio dal termine “preparatore fisico”. Spesso si associa la tua professione al “preparatore atletico”, differenza tutt’altro che marginale.
Elena Brusati: “Il preparatore fisico un’evoluzione di quello atletico, frutto di studi e match analysis. Quest’ultimo in passato gestiva l’allenamento secondo le stesse metodologie dell’atletica leggera, da qui il nome. Il preparatore fisico oggi prepara il fisico dell’atleta anche alla prestazione sportiva specifica, in questo caso la pallacanestro. Cambi di direzione e di senso, accelerazioni, salti e contatti fisici, intensità e durata che mettono fortemente sotto stress il corpo del cestista che va preparato a resistere e ad esprimersi al meglio”.

Conoscenza del gioco e delle problematiche fisiche annesse che hai maturato anche sul campo per molti anni, anche con la maglia delle Orange. Quanto è utile ed importante conoscere anche questo aspetto e qual è il tuo lavoro specifico all’interno della squadra.
Elena Brusati: “L’esperienza come giocatrice aiuta ma sono soprattutto le competenze da preparatrice fisica abbinate a quelle da fisioterapista che mi permettono di calibrare i carichi di lavoro per preparare al meglio l’atleta per la stagione. Il mio compito consiste, ad inizio stagione, nel reintrodurre gradatamente le atlete all’attività cestistica dopo la pausa estiva e, a campionato in corso, fare in modo che il loro fisico sia allenato alla prestazione richiesta. Lavoro peraltro non facile vista la differenza di età e caratteristiche fisiche delle nostre giocatrici. In caso di infortunio inoltre intervengo nel reinserimento in campo calibrando i carichi per evitare traumi o ricadute. E anche da questo punto di vista il lavoro, soprattutto ad inizio anno, non ci è mancato visti i diversi guai che hanno attraversato tutto il gruppo”.

Sponsor

Eventi seguiti in collaborazione con il resto dell staff medico tra cui l’ortopedico Dott. Stefano Riboldi.
Elena Brusati: “Avevo già avuto il piacere di collaborare con il Dott. Stefano Riboldi già durante la mia esperienza di preparatrice fisica e fisioterapista con le giovanili dell’Olimpia Milano. Così mi sono permessa di suggerirlo alla società come punto di riferimento medico, sicura della sua professionalità ma anche dell’esperienza specifica maturata “terreno” cestistico, un vantaggio notevole quando si ha a che fare con uno sport che prevede tanti tipi di traumi e problematiche come la pallacanestro”.

Percorsi che gestisci anche al di fuori del parquet nel tuo lavoro quotidiano in palestra. Quali sono i principi fondanti della tua attività?
Elena Brusati: “Gestisco una palestra solo per donne, dove cerco di educare (ex-ducere, tirar fuori il potenziale di ognuno) persone di tutte le età, dalle ragazzine di 13 anni ai 92 anni della mitica Gianna, all’attività fisica modulata secondo le esigenze specifiche. Cerco di trasmettere loro l’importanza di mantenersi toniche ed attive per stare bene, prevenire e curare patologie, sentirsi più belle, fare meno fatica ad affrontare la vita quotidiana, siano esse sportive o sedentarie. Oltre ai vari tipi di ginnastica (tonificante, aerobica, posturale, pilates, yoga..) offriamo alle clienti assistenza fisioterapica, osteopatia e, non ultima, nutrizionistica. Importante elemento di prevenzione e cura, ancora troppo spesso trascurato”.

Potete trovare maggiori informazioni sull’attività di Elena Brusati con la palestra Lady’nMove, fitness e benessere attraverso il sito internet www.ladynmove.it, email: info@ladynmove.it.

Sponsor