SponsorSmiley face

Abbiamo lasciato passare un po’ di tempo ma la sostanza non cambia, la nostra squadra di baskin, il SangaBaskin è CAMPIONE D’ITALIA.

L’obiettivo stagionale era la qualificazione alla Rassegna Nazionale, raggiunta dagli Orange vincendo la sezione territoriale Lombardia Nord nel triangolare di playoff con Le Pantere di Cinisello e Rho. Qualunque risultato avessero ottenuto alle finali i ragazzi del duo Anzivino-Berti sarebbe stato un successo.

Ma vincere piace a tutti e così il girone con Rho, Avola e Aosta (squadra campione in carica), non spaventa i milanesi che con il coltello tra i denti affrontano le tre partite con grinta e determinazione.

Archiviato l’esordio di venerdì sera con Rho, il sabato mattina gli Orange affrontano i Superabili di Avola, squadra che nella partita di venerdì sera aveva messo a referto 101 punti. Una grande difesa impedisce ai siciliani di andare spesso nell’area piccola e anche la seconda partita si conclude a favore del Sanga.Ultimo impegno del girone per decidere chi giocherà finale per il primo e il secondo posto è la partita contro Aosta.

È una partita tirata, avvincente, entrambe le squadre giocano duro, per vincere. A due minuti dalla fine Aosta scappa a più 11 ma il Sanga non molla: tra falli sistematici e ricerca continua del pivot gli Orange recuperano lo svantaggio grazie ai punti del bomber Nasser. A 2 secondi dalla fine il punteggio è in parità, due tiri per Bob Anzivino che fa 0/2 ma fa suo il rimbalzo e con un jumper dalla media regala a sè e ai suoi la vittoria.

Ebbene si, siamo in finale! Possiamo diventare i Campioni d’Italia!

Gli avversari sono i ragazzi marchigiani di Urbania. Il palazzetto domenica mattina è gremito, tanti i tifosi Orange sugli spalti: amici, parenti, addirittura alcuni avversari! La voglia di provare a vincere dei milanesi è incontenibile è messo il naso avanti una volta mantengono sempre la testa della partita. I nostri pivot sono efficaci, i nostri ruoli 3 confondono gli avversari, i 4 contengono bene i pari ruolo avversari e i 5 guidano con pazienza la manovra offensiva. Alla sirena finale è festa grande, è scudetto, siamo i Campioni d’Italia.

Dopo un anno travagliato, passato a litigare con i canestri, a cercare nuovi innesti per la squadra, a lavorare duramente in palestra è il giusto riconoscimento alla passione e all’impegno messi in questo importante progetto.

Emozionato e soddisfatto Coach Roberto Bob Anzivino al termine della manifestazione: “Non abbiamo mai perso una partita, ci siamo guadagnati questo scudetto ed il titolo di Campioni d’Italia per i prossimi due anni. La realizzazione di questo affascinante risultato è stato interamente merito del gruppo. In questi anni all’interno della squadra si sono aggiunti sempre più giocatori che incuriositi da questo sport si sono subito appassionati. Il gruppo con il passare dei mesi oltre ad aumentare si consolidava. Ogni partita era un terzo tempo, ogni vittoria una festa, ogni momento era buono per stare insieme. La squadra a breve è diventato un gruppo di amici dentro e fuori dal campo e ciò che li accomuna è la grande passione per questo sport.

Grazie alla tenacia del gruppo abbiamo oltrepassato  ogni ostacolo e risolto ogni problema arrivando pronti sia fisicamente ma soprattutto mentalmente all’obiettivo più ambito: il tricolore. Le partite sono state combattutissime e ricche di colpi di scena ed i campioni alla fine si sono dimostrati insuperabili. La forza di questa squadra è anche avere tanti amici e parenti sempre numerosi e sempre presenti agli allenamenti e alle partite, rendendo il clima ancora più sereno e familiare.

Durante l’anno insieme ad Alessandra Calastri ed Antonio Berti abbiamo cercato le migliori tattiche di gioco per la squadra, schemi offensivi e difensivi innovativi, molte volte abbiamo commesso degli errori, ma gli errori vanno fatti per poterli poi correggere cercando di raggiungere la perfezione del gioco. Il traguardo non è essere i campioni d’Italia, quando c’è un traguardo c’è un arrivo, quando c’è un arrivo non si gareggia più. Noi continuiamo a giocare, a crescere, cercando obiettivi individuali sempre più entusiasmanti, per il gusto di farlo, per oltrepassare i nostri limiti, per divertirci e continuare a sognare. Non ci fermiamo, anche questa estate ci esibiremo in giro per l’Italia, diffondendo il nostro piacere di stare assieme giocando a Baskin. 

Aver ricevuto il premio per il miglior allenatore di Baskin d’Italia è stato un onore, vuol dire che insieme al mio team abbiamo e stiamo lavorando molto bene, grazie a loro sono cresciuto ed il merito è soprattutto loro. Il premio più grande resterà sempre il poter allenare delle persone pure, straordinariamente uniche e speciali come i miei giocatori…e questo premio non potrà mai togliermelo nessuno!

Presente a queste finali anche Franz Pinotti a rappresentare tutto il Mondo Sanga’s Tigers: “Quando siamo partiti, quattro anni fa grazie all’intuizione di Mariangelo Maiocchi, eravamo pieni di entusiasmo ma mai avremmo pensato a una gioia così grande. Il BASKIN non solo è una rivoluzione positiva dello Sport, ma ciò che più si avvicina a un modello di società perfetta, in cui tutti possono portare il proprio contributo, mantenendo alto sia il livello agonistico che quello dei valori sociali.

Invitiamo tutti ad andare a conoscere il Baskin e i nostri Sanga-atleti domenica 5 luglio a partire dalle 20 al torneo di Binzago (oratorio S. Luigi, via Manzoni 21 a Binzago di Cesano Maderno) dove si svolgerà una partita-dimostrazione di questo magnifico sport.

SponsorSmiley face