SponsorSmiley face

Incredibile epilogo del super derby domenicale tra Tec Mar Crema e Ponte Casa d’Aste Milano. Già perché le tigri del Sanga hanno visto sfumare in volata una vittoria che ad un certo punto sembrava praticamente in tasca ed invece è scivolata lentamente via dilapidando un vantaggio di ben 21 punti. Una sconfitta amara e bruciante per il Ponte Casa d’Aste che risulta pesante anche in chiave classifica visto che non solo lo ricaccia al 5° posto ma lo vede ora anche sotto 0-2 nei confronti diretti con Crema.

E pensare che il Sanga era partito subito benissimo trascinato da una Capitan Giulia Maffenini “on fire” ben supportata da Martelliano e Canova. Grazie ad una difesa ermetica le milanesi hanno sciorinato un grande gioco: hanno prima bloccato le bocche di fuoco cremasche per poi colpire ripetutamente in attacco chiudendo avanti la prima frazione sul +21.

Un dominio assoluto però che è durato solo 10’.  Come era prevedibile già nella seconda frazione le padroni di casa hanno reagito con forza ricucendo lo svantaggio e riportandosi sotto solo di 8 lunghezze all’intervallo (29-37) sotto la spinta del tandem Caccialanza-Picotti. Anche al rientro in campo le padroni di casa biancoblù hanno cercato di prendere in mano la gara e gradualmente hanno continuato la loro rimonta che hanno coronato prima di essere ricacciate indietro da un altro mini parziale delle milanesi brave a chiudere la terza frazione in doppia cifra di vantaggio (41-51). Vantaggio che però si è sgretolato nel giro di 5’ dell’ultimo quarto quando, aumentata l’intensità e l’agonismo del match,  il Ponte Casa d’Aste ha praticamente spento la luce e segnato la miseria di soli 5 punti. Un blackout già visto nel match d’andata e nella gara persa ad Albino che ancora una volta è costato caro alle tigri milanesi che infatti sono state punite severamente dall’ex di turno Martina Picotti che ha suonato la carica in casa Crema e con un gioco da tre punti ha regalato a 4’ dalla fine il primo vantaggio locale (53-52). Gli ultimi minuti sono stati giocati all’insegna dell’equilibrio con Crema però che, trascinata da Caccialanza, è riuscita ad allungare sul + 3 e resistere agli ultimi tentativi di Milano incapace di trovare lucidità e forza per affondare l’ultimo assalto. Alla fine Crema può festeggiare una rimonta storica mentre Milano deve leccarsi le ferite e meditare per l’ennesima occasione persa. Il Ponte Casa d’Aste tornerà in campo sabato 25 a Cagliari ospite della Virtus dell’ex Lavinia da Silva (ore 16).

Il tabellino di Tec Mar Crema – Il Ponte Casa D’Aste Milano 59 – 56 (8-29, 29-37, 41-51)
TEC-MAR CREMA: Conti, Zagni 9, Capoferri 2, Veinberga 6, Caccialanza 17, Parmesani, Cerri, Degli Agosti ne , Rizzi 7, Picotti 18. All. Visconti.
IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Bottari ne, Novati 5, Pozzecco 2, Rossini, Guarneri 4, Martelliano 7 , Canova 8, Maffenini 19, Giulietti ne, Vente 11, Trianti ne , Galiano ne. All. Pinotti.

Tutti i risultati del 19° turno: Geas Sesto San Giovanni-Mercede Alghero 85-36, Castel Carugate-Surgical Virtus Cagliari 55-53, EcoProgram Castelnuovo S.-Ceprini Costruzioni Orvieto 50-64, Alperia Itas Bolzano-S.Salvatore Selargius 67-55, B&P Autoricambi Costa Masnaga-Fassi Albino 64-66 dts, Scotti Use Rosa Empoli-C.U.S. Cagliari 70-44, TecMar Crema-Il Ponte Casa D’Aste Milano 59-56.

CLASSIFICA:
Geas Sesto San Giovanni 34; Scotti Use Rosa Empoli 32; Ceprini Costruzioni Orvieto, Tec-Mar Crema 28; Il Ponte Casa D’Aste Milano 26; B&P Autoricambi Costa Masnaga 24; EcoProgram Castelnuovo S. 22; Fassi Albino 18; S.Salvatore Selargius 16; Surgical Virtus Cagliari 12; Alperia Itas Bolzano 10; Castel Carugate 8; C.U.S. Cagliari 6; Mercede Alghero 2

SponsorSmiley face